Truc Castelletto, Pramollo (To)

DIFFICOLTA’

Ciao community di Dogs On Tour!
Oggi io e il mio amico Chablis vi accompagniamo in un nuovo tour alla scoperta della bassa Val Chisone, in provincia di Torino. Siamo partiti dalla frazione Le Rue, nel comune di Pramollo e abbiamo parcheggiato la macchina all’altezza del curvone dove si trova il ponte sul torrente Risagliardo. Da qui è iniziata la nostra escursione a piedi, sulla sinistra infatti si prende la vecchia mulattiera che sale alla borgata Crosasso. Per permettere a Chablis di scorrazzare il più possibile, abbiamo intersecato più volte la strada asfaltata rimanendo così nel bosco.

Giunti alla borgata Crosasso vi consiglio di tener vicini i vostri amici a quattro zampe, in modo che non vadano ad infastidire i cani che abitano in alcune case private senza recinto. Così noi siamo passati senza alcun problema, rispettando le distanze richieste dai legittimi abitanti del luogo.

Si continua lungo la sterrata fino al panoramico poggio dove sorge la borgata Sangle e dove troverete anche un punto d’acqua per fare rifornimento nel caso servisse. Da qui, sempre lungo la sterrata che sale lungo il versante boscoso del Monte la Buffa, si sbuca sul pianoro del colle Pra la Mura, che noi abbiamo trovato completamente ricoperto di neve e dove Chablis, preso dall’entusiasmo, ha dato sfogo a tutte le energie accumulate in questo periodo di restrizioni.

Da questo punto si sale lungo l’ampia dorsale verso il Truc Castelletto (noi ci siamo riusciti facilmente senza la necessità di indossare ramponcini o ciaspole) lungo un marcato sentiero che interseca la sterrata che porta al colle della Vaccera.

Con un ultimo strappo si raggiunge il punto panoramico che precede di poco la cima del Castelletto (mt. 1512), da lì si apre una meravigliosa vista sulla pianura pinerolese e saluzzese, sul Monviso e, con giornate particolarmente limpide, sull’intero arco alpino.

La passeggiata è piacevole e senza particolari difficoltà, per i cani allenati a camminare non sarà assolutamente impegnativa, circa 12km tra andare e tornare. Alterna tratti nel bosco e tratti in pianori aperti e spaziosi, il dislivello è costante (circa 800m) e concede anche a noi umani, senza quattro ruote motrici, di farcela agevolmente.

Per il ritorno abbiamo semplicemente ripercorso la strada a ritroso.

Alla prossima!

Chiara e Chablis